sabato 23 luglio 2016

Pavese da LA TERRA E LA MORTE


CESARE PAVESE
.

Terra rossa terra nera,
tu vieni dal mare,
dal vento riarso,
dove sono parole
antiche e fatica sanguigna
e gerani tra i sassi -
non sai quanto porti
di mare parole e fatica,
tu ricca come un ricordo,
come la brulla campagna,
tu dura e dolcissima
parola, antica per sangue
raccolto negli occhi;
giovane, come un frutto
che è ricordo e stagione -
il tuo fiato riposa
sotto il cielo d'agosto,
le olive del tuo sguardo
addolciscono il mare,
e tu vivi rivivi
senza stupire, certa
come la terra, buia
come la terra, frantoio
di stagioni e di sogni
che alla luna si scopre
antichissimo, come
le mani di tua madre,
la conca del braciere.

27 ottobre '45

Dalla sezione: La terra e la morte
in "Verrà la morte e avrà i tuoi occhi", Einaudi, Torino, 1951

Nessun commento:

Posta un commento