giovedì 30 novembre 2017

Sogno (2) (di Felice Serino)

Sogno (2) (di Felice Serino): è calda l'acqua dell'oceano / ove sono immerso come quando / ero nello stato prenatale // traquillo nuoto non ansia mi prende / anche se scorgo solo / davanti a me l'orizzonte // ed ecco / vedere venirmi incontro / i miei morti portati sull'acqua // e / madido; poesia Creative Commons

sabato 25 novembre 2017

Ghiannis Ritsos


Ci sono versi – a volte poesie intere –
che neanch’io so cosa voglion dire.
Quello che non so mi trattiene ancora.
E tu hai ragione a chiedere.
Ma non chiedere a me.
Ti ho detto che non so.
Due luci parallele
dallo stesso centro. Il rumore dell’acqua
che cade, d’inverno, dalla grondaia colma
o il rumore di una goccia che stilla
da una rosa nel giardino annaffiato
lentamente, lentamente, una sera primaverile
come il singhiozzo di un uccello.
Non so cosa vuol dire questo rumore; e tuttavia l’accetto.
Le cose che so te le spiego. Non mi dimentico.
Ma anche queste cose aggiungono qualcosa
alla nostra vita. La guardavo
mentre dormiva, il ginocchio piegato ad angolo
sul lenzuolo –
Non era solo l’amore. Questo angolo
era il crinale della tenerezza, e il profumo
del lenzuolo, di pulito e di primavera completavano
quell’inspiegabile che ho tentato, ancora
inutilmente, di spiegarti.

Ghiannis Ritsos

Kahlil Gibran


Sylvester - You Make Me Feel (Mighty Real) (1978) HD

Quella parte del mondo (di Felice Serino)

Quella parte del mondo (di Felice Serino): è un presentito bianco grido / il cielo proiettato su / quella parte del mondo: un mare / tappezzato di cadaveri // agghiaccia il sangue mentre / la; poesia Creative Commons

venerdì 24 novembre 2017

Alessia prende il sole con Mirta accanto


Alessia prende il sole con Mirta accanto


Scenario di mistico lucore,
linea cielo - mare negli occhi
di Alessia ad accarezzare la vita
a giungere a di 18 grammi l'anima.
E il sole è la vita all'Arenile di 
Bagnoli il 24 novembre. Insolito
giorno, del sole sul viso di Alessia,
a riscaldarla e a darle colore.
Ceruleo è il cielo oggi su Napoli
e dura del vento la forza a 
levigare di stupore Alessia
e appare Mirta cosparsa di luce
propria e dice: non ti lascerà.
Sorride Mirta felice e tesse
una musica il marino fluire
senza tempo a incorniciare
le parole. Alessia danza il
flamenco, impronte sulla sabbia
scalza irrorata dalle acquoree
onde di rinascita sulla barca
del destino fiorevole di Alessia
e Mirta.


Raffaele Piazza

giovedì 23 novembre 2017

Due note (di Felice Serino)

Due note (di Felice Serino): e come puoi oggi accennare / a quel motivetto che ti arrovella / se non è la mente / sgombra da impellenze che artigliano // restano due note nell'aria / monche / e il; poesia Creative Commons

sabato 18 novembre 2017

Il pozzo dei ricordi (di Felice Serino)

Il pozzo dei ricordi (di Felice Serino): come la volta celeste / s'immilla di presenze il sogno // in questa moltitudine / la tua / cerca il non rassegnato cuore // ma è beffarda sequenza / come seguissi / la velocità d'un treno // forse la tua figura è sepolta / in fondo al pozzo dei; poesia Creative Commons

venerdì 17 novembre 2017

Mirta porta Alessia in Paradiso


Mirta porta Alessia in Paradiso


Sotteso stellato in interspazi
per compiere nell'immensità
infinita il tragitto. Partenza
dal Parco Virgiliano nello scorgere
Mirta e Alessia Venere stellante
l'anima duale delle amiche.
Ti porto in Cielo, Ale, dice Mirta
e si trovano in men che non dica
in Paradiso. Ti presento mio padre,
afferma, Mirta e questo è Massimo,
il mio ex a 25 anni suicida come me.
Dio ci ha preso tra le braccia
e la felicità ci ha ridato che avevamo
perso. Questa è la mia casa
e vede Alessia uno studio
di architetto. Balla il flamenco
Mirta e Alessia impara nell'osservarla
e pensa da bionda farsi bruna come
lei, Mirta vera Amica.


Raffaele Piazza  

giovedì 16 novembre 2017

Nelle nuvole hai casa (di Felice Serino)

Nelle nuvole hai casa (di Felice Serino): dimmi Nina: che vedi / tu che hai casa nelle nuvole / tu che sai il linguaggio dei voli? // forse / la giovinezza spezzata / che ora in lampi di déjà vu ritorna? // o / rivivi nel cuore / verde dell'acqua // che ti vide sirena emula del canto / di; poesia Creative Commons

martedì 14 novembre 2017

Il grafomane (di Felice Serino)

Il grafomane (di Felice Serino): sei tu che graffi con la penna / questi fogli che raggricciano / come una bianca pelle // i tuoi quaderni riempi / per lasciare ai posteri parola di Dio / mentre qualcuno da lassù // guida la tua mano / a riempire fogli e fogli / come in trance // vivi di; poesia Creative Commons

domenica 12 novembre 2017

Alessia, Mirta e la linea dell'incanto


Alessia, Mirta e la linea dell'incanto


Il cielo si congiunge al mare
negli occhi di ragazza Alessia
e in quelli di Mirta - anima
nello scorgere d'arancia il
tramonto ad accendere
i desideri di Alessia sottesi
a Novembre fresco nelle
cose di sempre. Ansia a stellare
Alessia pari ad amuleto
e sorride Mirta sul ciglio
della vita sotteso alla linea
dell'incanto oltre le maree
dei pensieri delle amiche.
Attimi rosa pesca nell'
accarezzare ragazza Alessia
l'idea dell'amore infinito.


Raffaele Piazza

Fedele alla vita (di Felice Serino)

Fedele alla vita (di Felice Serino): mia vita / senza rete t'appigli / alla Bellezza intaccabile // a quella del cuore e alle / armoniose figure della danza / o del cavallo nel bianco salto // finché ti chiedi dov'è / lei l' irraggiungibile / non tutto è perduto // voltato sei sul; poesia Creative Commons

sabato 11 novembre 2017

Lorenzo Calogero


Alba - Giorgio Caproni


Alba 
Giorgio Caproni 


Amore mio, nei vapori d’un bar
all’alba, amore mio che inverno
lungo e che brivido attenderti! Qua
dove il marmo nel sangue è gelo, e sa
di rifresco anche l’occhio, ora nell’ermo
rumore oltre la brina io quale tram
odo, che apre e richiude in eterno
le deserte sue porte?…  Amore, io ho fermo
il polso: e se il bicchiere entro il fragore
sottile ha un tremitìo tra i denti, è forse
di tali ruote un’eco. Ma tu, amore,
non dirmi, ora che in vece tua già il sole
sgorga, non dirmi che da quelle porte
qui, col tuo passo, già attendo la morte.

Giorgio Caproni

da “Il passaggio d’Enea” (1943- 1955), Mondadori, 1998

Steve Vai (10) Gentle Ways (Visual Sound Theories DVD) HD

lunedì 6 novembre 2017

Alessia felice nel prato con Mirta


Alessia felice nel prato con Mirta


Attimi vaghi per ragazza Alessia
pervasa dal vento mentre lo yoga
pratica nel prato del Parco Virgiliano.
Fusione con la natura perfetta
come nel tempio attico costruito
in collina. Attimi belli nel leggergli
negli occhi neri amore mentre
a gioia fisica sottesa ascolta 
nelle cuffie di Mozart una messa
cantata. C'è anche Mirta - anima
sorridente a darle gioia
Si apre Alessia alla vita
nella fedeltà all'attimo e tutto
si accende d'arancia la sera
su bordo della giornata sorgiva.


Raffaele Piazza

venerdì 3 novembre 2017

E il vento s'impiglia (di Felice Serino)

E il vento s'impiglia (di Felice Serino): in meditazione ti trovo / assiso sui gradini del tempo // chi interroghi / sotto una luna menomante? // vedi // e se fosse soltanto un apparire / questa vita // protendimento di un luogo della mente // dove passano navi di nuvole / in sogno e figure; poesia Creative Commons

giovedì 2 novembre 2017

Alessia e l'apparizione di Mirta - anima al lago di Losanna


Alessia e l'apparizione di Mirta - anima al lago di Losanna


Vacanza invernale per Alessia
a Losanna tra le vetrine scintillanti
di ricchezza con Giovanni.
Albergo degli Angeli i fidanzati
ad accogliere festosi il freddo
buono dalle strade al letto.
In auto fino a del lago la pace
per l'anima di Alessia nel fitto
verde del mistero di natura
con Giovanni a baciarla ardentemente.
Acque mistiche da guardare
della tinta indefinibile e appare
anima - Mirta azzurro vestita
nell'albereto adiacente da un alone
di luce pervasa e dice che è felice
con Massimo e suo padre in Cielo
e ora è scesa sulla terra.
Accenna Mirta dei passi di flamenco
nel liquido elemento a specchiarsi
i suoi occhi.  


Raffaele Piazza

La regione del sogno (di Felice Serino)

La regione del sogno (di Felice Serino): la via regia puoi dirla / vita trasversale / nell'ondeggiare di curve di luce // del pensiero allucinato / vedi prendere vita / le figure surreali di dalì // e ancora da questa
/ infinita vastità del sogno / emergere gli angeli di rafael / o le eccelse; poesia Creative Commons