mercoledì 31 ottobre 2018

Allucinogeni (2) (di Felice Serino)

Allucinogeni (2) (di Felice Serino): stato d' incantesimo / inventarsi un cielo / delirio che / sanguina luce // l' anima travestita / a farsi; poesia Creative Commons

martedì 30 ottobre 2018

Così esiste la parola (di Felice Serino)

Così esiste la parola (di Felice Serino): così esiste la parola / nutrita del sangue degli dei // prende il largo quello che si dice / afflato o musa ispiratrice / alla; poesia Creative Commons

lunedì 29 ottobre 2018

Tutto è ancora possibile (di Felice Serino)

Tutto è ancora possibile (di Felice Serino): ti senti altrove e il più / delle volte fuori dal coro // ti chiedi se -nell'ordito della vita dove / si spezza la parola- ti sei perso / qualcosa - vorresti allora / rovesciarti come un guanto // riconoscerti come il / fuori del tuo dentro // aprirti a un'; poesia Creative Commons

sabato 27 ottobre 2018

Lorenzo Calogero

ANGELO DELLA MATTINA 
di Lorenzo Calogero

Angelo della mattina
risvegliami ancora
per la nuova fulgente aurora
che s’arrossa sull’orizzonte o s’incrina.

Io sono uno strano mendicante
che chiede amore e parole,
sono un solitario emigrante
verso le terre della luce e del sole.

Vienimi coi tuoi fulgori,
angelo che non ristai,
coi tuoi infiniti fulgori
colle movenze che tu sai,

e crescimi delle meraviglie,
di quanto raccogli negli occhi neri,
degli infiniti misteri
che tu celi dentro l’arco dei cigli.

Fammi conoscere ciò che tu conosci
i riflessi della tua bocca chiara;
mutevolmente nel mio cuore gia amara
è una musica una magica forma, in una pioggia che scrosci.

VUOLE IL VENTO di NUNZIO BUONO Omaggio 3

Robbie Williams | Go Gentle | Official Music Video

venerdì 26 ottobre 2018

Alessia tra le tinte delle foglie

Alessia tra le tinte delle foglie


Vari verdi per Alessia da osservare
foglie di eucalipto, aghi di pino
lampi della magnolia nel chiarore
di mistico naturalismo della selenica
sera di luna piena a pervaderne 
di luce di Alessia l'anima nell'entrare
dagli occhi di ragazza sedicenne.
E poi il papiro centrale tra le cose
del portico della biblioteca dell'
università dove la liceale Alessia
è andata a studiare. E traspirano
gli albereti e in volo farfalle policrome
allietano la festa della vita fino
ai confini della rugiada della notte
a inumidire di Alessia dei capelli
il biondo naturale.

Raffaele Piazza

L'angelo


L'ego (2) (di Felice Serino)

L'ego (2) (di Felice Serino): non è che fumo / il tuo riflettere se / al tuo (d) io t' inchini // l'interpellarti cade nel vuoto / come un assordare di; poesia Creative Commons

giovedì 25 ottobre 2018

Anse d' ombre (di Felice Serino)

Anse d' ombre (di Felice Serino): anse d' ombre / notte bevuta sudata notte / un grumo di sangue la parola / nel bailamme l'anima dissolta // sogno; poesia Creative Commons

martedì 23 ottobre 2018

Angelo (di Felice Serino)

Angelo (di Felice Serino): angelo icona della volta / che mi vedevi da lassù / la testa all' indietro / a contemplare i lineamenti perfetti // nei tuoi occhi vedevo palpitare / il cuore della Bellezza e / m' incantavo // poi per paura / del male del mondo / la sera mi rifugiavo nel; poesia Creative Commons

domenica 21 ottobre 2018

Di luce e di sangue (di Felice Serino)

Di luce e di sangue (di Felice Serino): sostanza / sei di luce e di sangue // le cellule cambiano di continuo e / non sei più lo stesso di prima / -com' è ogni ciclo in natura // ma eco / insopprimibile in te; poesia Creative Commons

venerdì 19 ottobre 2018

Mirta esiste ancora

Mirta esiste ancora


Cielo diafano d'ottobre su Napoli
e lì esisti Mirta dopo il tuo suicidio
sotteso a mie lacrime perché
mi volevi bene. Non si rimargina
la ferita infinita per la tua morte
e mi detti questi versi dall'oltrecielo
dove stai con Massimo tuo ex che si
è ammazzato come te. L'allegria
avviene lo stesso nella mia casa
nella tua fotografia nel saperti felice
con Dio e la Madonna e Gesù e gli
angeli. Mi hai lasciato in dono
la tua e-mail scritta da te con bella grafia
su una rivista di poesia e ti
mando questi versi al computer di Dio
dove leggi la posta dalla terra.

Raffaele Piazza

Passeggiata di Alessia

Passeggiata di Alessia


Poi farfalle serene a inebriarla
di senso nell'aria polita dei voli
arabeschi per poi tornare a casa
e il Rosario recitare e intanto
passi per il condominiale viale
fino ai garage delle partenze
per le villeggiatura di uomini
e donne felici e i loro figli. 
C'è qualcosa di nuovo oggi nell'aria 
anzi d'antico pensa Alessia
a Giovanni Pascoli a salvarla
con L'aquilone.

Raffaele Piazza

Il raggio verde


Sogno daliniano (di Felice Serino)

Sogno daliniano (di Felice Serino): (splendenza rubata da un / non- dove -mi dico- questo // piccolo universo racchiuso / nel profondo di noi piccoli / universi) // mi ero / annullato in pensieri; poesia Creative Commons

martedì 16 ottobre 2018

Il rovescio (di Felice Serino)

Il rovescio (di Felice Serino): spossato sono dal mio sogno / non mi sovviene per quale ragione / nell' ondivago moto del cuore / mi disperavo e / come un agnellino piangevo // il sogno dicono / è il negativo del reale / il pianto è gioia / e lo stesso sarà entrando nell'orbita / di cieli; poesia Creative Commons

lunedì 15 ottobre 2018

Nei cieli di Torino (di Felice Serino)

Nei cieli di Torino (di Felice Serino): nei cieli di Torino / promette pioggia livida luce // uno sguardo di sottecchi / al vicino di panchina / mentre leggo Kavafis // -le dà fastidio il fumo?- / al mio cenno spegne / garbato come ne trovi pochi // la metro e sei al centro / Porta Nuova la; poesia Creative Commons

domenica 14 ottobre 2018

Nell'oltre (2) (di Felice Serino)

Nell'oltre (2) (di Felice Serino): il tuo sangue spanto -Nina- / che intinge / di deliranti arabeschi le mie notti bianche // e quell' albero con i cuori incisi / a sopravviverti - le; poesia Creative Commons

sabato 13 ottobre 2018

Senza titolo (6) (di Felice Serino)

Senza titolo (6) (di Felice Serino): un'alba cadmio / apre spazi / inusitati nel cuore // usciti dal sogno / beccano sillabe / gli uccelli di Maeterlinck / in un cielo di vetro // da un luogo; poesia Creative Commons

Poesia di Eugenio Montale

Il primo gennaio

So che si può vivere
non esistendo,
emersi da una quinta, da un fondale,
da un fuori che non c’è se mai nessuno
l’ha veduto.
So che si può esistere
non vivendo,
con radici strappate da ogni vento
se anche non muove foglia e non un soffio increspa
l’acqua su cui s’affaccia il tuo salone.
So che non c’è magia
di filtro o d’infusione
che possano spiegare come di te s’azzufino
dita e capelli, come il tuo riso esploda
nel suo ringraziamento
al minuscolo dio a cui ti affidi,
d’ora in ora diverso, e ne diffidi.
So che mai ti sei posta
il come – il dove – il perché,
pigramente rassegnata al non importa,
al non so quando o quanto, assorta in un oscuro
germinale di larve e arborescenze.
So che quello che afferri,
oggetto o mano, penna o portacenere,
brucia e non se n’accorge,
né te n’avvedi tu animale innocente
inconsapevole
di essere un perno e uno sfacelo, un’ombra
e una sostanza, un raggio che si oscura.
So che si può vivere
nel fuochetto di paglia dell’emulazione
senza che dalla tua fronte dispaia il segno timbrato
da Chi volle tu fossi…e se ne pentì.
Ora,
uscita sul terrazzo, annaffi i fiori, scuoti
lo scheletro dell’albero di Natale,
ti accompagna in sordina il mangianastri,
torni indietro, allo specchio ti dispiaci,
ti getti a terra, con lo straccio scrosti
dal pavimento le orme degli intrusi.
Erano tanti e il più impresentabile
di tutti perché gli altri almeno parlano,
io, a bocca chiusa.

Eugenio Montale
Tutte le poesie (Mondadori, 1996)

Angelica, in un piccolo infinito

"My Prayer" The Platters

venerdì 12 ottobre 2018

Alessia ritesse la tela

Alessia ritesse la tela


Tela da ritessere per l'arrivo di Giovanni
dalla villeggiatura. Come Penelope Alessia
dal balcone visore attende dell'amato
l'arrivo rosa - confetto vestita e sta infinitamente.
Sente la porta aprirsi e Alessia non cambia
il male per un male maggiore.
Prende il Rosario e prega Dio Alessia
che la rassicura: il prossimo sogno
sarà bello, figlia mia!!! Non avrai
altri incubi come spesso ti accade
ti darò una spada di pace e vincerai.
Poi il cielo cade su Napoli nella tinta
e Alessia con gli occhi tocca il mare.
Poi arriva Giovanni e la bacia con vero amore.
Trasale Alessia e i passeri beccano le
briciole del pane del digiuno del venerdì
voluto dalla Vergine per ordine di Dio.

Raffaele Piazza

Alessia e il sentiero dell'anima

Alessia e il sentiero dell'anima


Esce ragazza Alessia allo scoperto
nel parco condominiale. Ecco il bar
dove è già stata con Giovanni
a bere coca cola per raffreddare
l'anima ed è il sentiero dell'anima
il più bello per Alessia ragazza
e incontra Dio e Lui le dice di non
avere paura e che Giovanni
il forte non la lascerà. Cammina
nel sentiero dell'anima e quello
del mondo Alessia nell'intessersi
i pensieri con l'azzurrità:
poi prende il Rosario e prega
ed ecco angeli e tappeti di petali
rosa confetto e il sorriso dell'amato
di gioia liquida a pervaderla.

Raffaele Piazza

Glorificare la Luce


In questa vita che vivi (di Felice Serino)

In questa vita che vivi (di Felice Serino): l'angelo veste una parabola / di carne // egli / la tua entità lucente / la tua; poesia Creative Commons

mercoledì 10 ottobre 2018

Il compromesso (di Felice Serino)

Il compromesso (di Felice Serino): l'hai adocchiata da tempo / la bella villetta / in cima alla collina / col suo bel giardino / e tanto verde intorno / dove possa correre / felice la tua cagnetta / e tu a fare footing // non vorresti fosse un sogno // hai anche studiato / la planimetria / sei; poesia Creative Commons

domenica 7 ottobre 2018

Lista d'attesa (di Felice Serino)

Lista d'attesa (di Felice Serino): e siamo in lista d'attesa / dici con un mezzo sorriso / -dall'angolo del labbro la stessa / sigaretta mai accesa // anche vivere è un vizio che / -aggiungi scherzoso- ci dovremo / togliere un giorno
/ ed è umano chiedere se / possibile una dilazione al; poesia Creative Commons

sabato 6 ottobre 2018

venerdì 5 ottobre 2018

Alessia e la paura della felicità

Alessia e la paura della felicità


Ha fatto l'amore Alessia e lui
le dice: non ti lascerò mai!!!
Gioisce Alessia e ha della felicità
paura. Poi lui le dice: andiamo al bar.
Davanti a una coca cola Alessia
lo guarda negli occhi e legge
sincerità. Poi nel giardino
del bar si baciano di verde
Giovanni e Alessia e lei
ride come una donna sottesa
alle stelle - rose il cielo a 
infiorare.

Raffaele Piazza

Aria fresca per Alessia

Aria fresca per Alessia


Poi ad angolo con il mondo
entra nell'aria fresca a pervaderla
ragazza Alessia al colmo della grazia
fresco a rigenerare di Alessia
l'anima dove era già stata
il Parco Virgiliano dopo essere
entrata nella chiesetta dei responsi
ed avere acceso un cero alla Madonna.
Si tinge il cielo nell'intensificarsi
dell'azzurro. Prende en - plein - air
il Rosario Alessia e prega.

Raffaele Piazza

Non è che un perpetuo tramare


giovedì 4 ottobre 2018

Ulisside (4) (di Felice Serino)

Ulisside (4) (di Felice Serino): occhi di terra e di cielo / e oceani / occhi ove vive / noetica luce / a sognare procelle e bompressi // e / un' itaca lontana // esce dalla coda dell'occhio / il tuo; poesia Creative Commons

mercoledì 3 ottobre 2018

Autunno (di Felice Serino)

Autunno (di Felice Serino): amore vagabondo dicevi / di smemorate carezze / nei primi versi giovanili // perché poi vagabondo / oggi non te lo spieghi // tempo / uggioso diresti uguale / mestizia / a ottenebrare il cuore // ripensi con nostalgia / alle corse tra sciabolate di sole / nella; poesia Creative Commons